sabato 31 maggio 2014

LA PASTA MADRE: COS'È, COME SI PRODUCE, COME SI MANTIENE

Il lievito madre chiamato anche pasta madre e crescente, lievito acido o pasta acida, è un impasto di farina e acqua acidificato da un complesso di lieviti e batteri lattici che sono in grado di avviare la fermentazione. A differenza del cosiddetto lievito di birra, il lievito naturale comprende, tra i lieviti, diverse specie di batteri lattici eterofermentanti ed omofermentanti del genere Lactobacillus. La fermentazione dei batteri lattici produce acidi organici e consente inoltre una maggiore crescita del prodotto e una maggiore digeribilità e conservabilità.

Metodo usato prima della selezione del lievito di birra, oggi più comune in panificazione, nei paesi la pasta madre veniva conservata gelosamente dalla fornaia che la manteneva in vita con gli opportuni rinfreschi e la redistribuiva alle famiglie che settimanalmente facevano il pane in casa.

Attualmente riscoperto dai panificatori alla ricerca di sapori tradizionali, l'utilizzo di lievito naturale (madre acida) è indispensabile nella preparazione di dolci come panettone, colomba pasquale, pandoro, ecc., e per particolari tipi di pane tra cui, ad esempio, il Pane di Altamura, il pane di Lentini e il Pane Nero di Castelvetrano, che, prevedendo l'utilizzo esclusivo di lievito madre, rientrano nel novero dei Presidi di Slow Food.
(Wikipedia)

E io aggiungo: È COME UN FIGLIO E SI FINISCE ANCHE PER CHIAMARLO PER NOME!

Io ho scoperto questo lievito attraverso la mia amica Chiara che mi ha donato un pezzetto del suo Jimmy.
E da qui è partita la mia avventura con questa creatura che a tutti gli effetti è Viva.

Di solito preparo pizza, facaccia, panbrioche e pane per hamburger e i risultati sono a dir poco strepitosi!!!! 
Le tempistice di lievitazione sono un po lunghe, ma se il buono vuoi mangiare un po devi saper aspettare!

Presa da un raptus ADESSO VOGLIO CREARE LA VITA una sera ho fatto nascere Rosita, la mia seconda pasta madre!
Siceramente ero un po' scettica sulla riuscita di questo esperimento, ma è stato un successo ed ora è una pasta bella e forte.

Ecco il procedimento che ho seguito per produrla:
- 50 g di farina 00
- 25 g di acqua
- un cucchiaino di miele

Ho impastato e ho aspettato 3 ore.

Ho ripetuto lo stesso procedimento un'altra volta, cioè ho aggiunto all'impasto creato 50g di farina e 25 g di acqua, senza il miele.

Il giorno dopo ho preso l'impasto l'ho pesato, ho aggiunto lo stesso quantitativo di farina e metá del peso di acqua. (*rinfresco normale)
Ho proceduto così per 2-3 giorni rinfrescado almeno una volta.

Poi si prende il ritmo di un rinfresco o due alla settimana in base all'utilizzo.

IL RINFRESCO

Se siete appena entrati in possesso di una PM e vi trovate in difficoltá vi do qualche consiglio su come mantenerla al meglio.
Per rinfresco si intende sostanzialmente nutrire la PM.
Dovete procedere in questo modo:
1) pesate la pasta madre
2)aggiungete lo stesso peso della pasta madre di farina e la metá del peso acqua.

Esempio: la pasta è 100g si aggiungono 100g di farina+50g di acqua


3) impastare fino ad ottenere un impasto lisco e compatto
4) riporre l'impasto in un recipiente o barattolo possibilmente di vetro e a chiusura ermetica.
5) aspettare 3 ore e o procedete con la produzione del pane, pizza ecc o lo riponete nel frigorifero fino ad utilizzo o nuovo rinfresco.

Se la pasta non viene utilizzata spesso può essere rinfrescata anche una volta ogni 7 giorni, ma non è consigliabile superare questo periodo altrimenti inacidisce.

Cosa fare se il lievito puzza di acido o ammuffisce?

Se ammuffisce e presenta una brutta faccia, meglio buttare e ricominciare tutto da capo, la PM è morta...
Se presenta odore acido molto forte, alcuni fanno il famoso bagnetto (troppo complicato), io invece prelevo solo la parte centrale, il restante lo butto e proceco con più rinfreschi nell'arco di una giornata, sempre mantenendo distanze di 3 ore da un rinfresco e l'altro.

Spero di essere state esaustiva, sono a disposizione per domande. Vi risponderò in base alle mie conoscenze ed esperienze.

Di seguiti alcune foto delle mie PM e delle mie creazioni con esse.

PIANTE DA ORTO IKEA

Più o meno a marzo ho acquistato presso un punto Ikea vicino a casa degli strani vasetti verdi (tipo quelli per bibite) con i semi di vari odori per la cucina e una scatola con varie attrezzature per coltivare pomodorini ciliegia e basilico...
Non gli avrei dato due giori e tanta fiducia invece.... (solo tre vasetti hanno sofferto un po', forse per la troppa acqua, ma per il resto sono fenomenali!)

Se sapevo così compravo anche tutti gli altri!!!!!!  è_è

Ideali e super consigliati per chi vuole fare l'orto in terrazzo!

venerdì 23 maggio 2014

LA MACCHINA TIRAPASTA PER IL FIMO

Questo fondamentale accessorio (vedrete poi nei post che seguiranno) ha letteralmente cambiato il modo di modellare i vestiti delle fate di fimo, poichè con esso posso creare la mitica Skinner Blend!!!
Vi prometto che appena mi capiterá di creare un vestito in skinner blend vi scriverò passo a passo come crearla! :)

giovedì 22 maggio 2014

ANANAS A KM 0

Ecco a voi un breve tutorial per avere ananas a Km 0, semplicemente piantando il ciuffetto delle foglie presenti sulla "testa" dell'ananas.

Procedimento:
1. acquistare una bella ananas matura e procurasi dei guanti (le foglie potrebbero essere appuntite e pizzicare, ma si può fare benissimo anche senza);

2. prendere l'ananas per il ciuffo e ruotarlo finchè non si stacca dal frutto;

3. ora che siete rimasti con i "capelli" dell'ananas in mano togliete  le foglie più esterne e con un coltellino tagliate il gambo a fette sottili fino a vedere comparire dei piccolo cerchi concentrici sul bordo della parte recisa: queste sono le gemme delle radici.




4. mettete il gambo e le foglie rimaste in luogo fresco e asciutto per qualche giorno (non superare i 7 giorni!), per far sì che il gambo si cicatrizzi senza marcire



5. piantare il gambo in un vaso di almeno 20 cm di diametro ripempito di terriccio e aspettare che la natura faccia il suo dovere :-)


Cure:
Bagante il terriccio una volta alla settimana e mettete la piantina in un luogo molto illuminato, ma mai a diretto contatto con i raggi solari.
Non lasciate la pianta fuori nei periodi freddi.

Trucchetto:
per far fruttificare la pianta più velocemtente, avvolgetela in un sacchetto di plastica con all'interno qualche mela ben matura per una quindicina di giorni. Le mele marcendo producono etilene, un gas che stimola la fioritura dell'ananas e la produzione del frutto.

La pianta poi si presenterà così


Per chi ama questo frutto, un modo divertente per autoprodurlo.

Io l'ho piantata oggi, vediamo che uscirà fuori, vi terrò aggiornati ;-)

mercoledì 21 maggio 2014

AMICIZIA: IL BRACCIALE DI PAPA FRANCESCO

Avete presente quella bellissima sensazione che si prova quando si è in posto speciale insieme a persone speciali? Ecco io questa fantastica senzazione l'ho sentita domenica scosa: Cittá del Vaticano, Papa Francesco, San Pietro e una passeggiata per le vie e le piazze di Roma e due persone stupende al mio fianco!
Due ragazzi che più che amici sono diventati un fratello e una sorella!!
Mi sento davvero fortunata ad averli incontrati!
Ma perchè questo titolo? Semplicemente per il bracciale che avevamo al polso simbolo di questa piccola gita :) ribattezzato il bracciale delle felicitá e dell'ottimismo! Papa Francesco con il pollice alzato! Cosa c'è di più bello?!?
Trasmette tanta positivitá!!!
E noi abbiamo tanto bisogno di positivitá e ottimismo!!!!

CAMBIAMENTI IN VISTA

Ho avuto una grande ideaaaa!!! Trasformerò il mio blog (e mia pagina facebook) in una sorta di "miscellanea" delle mie passioni più grandi, quindi d'ora in avanti non si parlerá solo di fimo, ma anche di cucito, giardinaggio e cura delle piante, agricoltura, cucina, animali, amicizia e fotografia!!!
Quindi ogni tanto incontrerete tutorial e informazioni di varia natura!

sabato 17 maggio 2014

PEPPA PIG

Oltre ai folletti sulle cornici di possono applicare anche personaggi dei cartoni animati.
Questa per esempio ha Peppa Pig e il nome della bimba che l'ha ricevuta per regalo.
Il nome si illumina al buio

giovedì 15 maggio 2014

OMAGGIO A CAPITAN ZANETTI

Come forse sapete sono tifosa juventina ( #32 ) e se c'è una squadra che mi sta sulle balls è proprio l'Inter (ahahahahahah), ma un omaggio a uno degli ultimi Signori del calcio Javier Zanetti non poteva mancare!
Ho voluto tenere la pubblicazione di queto post a ridosso dell'addio al calcio giocato di Javier proprio per omaggiarlo nel suo impegno sia dentro che fuori dal campo con la sua associazione Pupi, che se non sbaglio, aiuta i bambini in difficoltá.
L'ho realizzato lo scorso Natale per regalarlo ad un mio amico tifosissimo dell'Inter!

COME NASCE UNA ..... VIOLETTA ♥

Questa è stata una commissione della mia cara amica Cristina (la stessa per cui ho fatto gli sposi folletti insime ai bimbi al mare), rinterpretare la famosa Violetta per la torta di compleanno di Camilla.
Avendo un bimbo e avendo visto Violetta solo nelle T-shirt mi sono sentita un po persa inizialmente, ma con l'aiuto del mitico Google sono riuscita a cogliere, più o meno, i dettagli della ragazza. Ecco a voi il risultato, step by step

CAMBIO DI LOGO

Come avrete notato ho cambiato il logo sia di questo blog, sia della fagina fan di facebook.
L'ho trovato per caso e me ne sono innamorata!!! **
Un bimbo-folletto in un nido con tanti campanellini!!! Ma non è un amore bello?????

LE CORNICI FATALE O MEGLIO FOLLETTATE :)

Ciao a tutti!
Perdonate la mia assenza ma non è stato un gran bel periodo...
Dicono che la ruota gira, ma da me sta girando meno del minimo...
Torniamo a noi e alle mie creazioni.
Quelle che vi presento oggi sono delle cornici che ho preparato per delle colleghe, per festeggiare nascite, battesimi, compleanni, comunioni, cresime...
Insomma con una cornice personalizzata si può fare un figurone per qualsiasi tipo di ricorrenza!
Ecco qui alcuni esempi